Anni '50 - Al Principe Verde

The financing campaign for this product is open and supported by Tixter, if you're a professional investor interested contact us

Ticket Price: 5€

Giulia 56 anni, insegnante di italiano alle medie, conduce una vita piatta dominata da un senso di abbandono essendo cresciuta in un orfanotrofio. Un incontro con una piccola mendicante al solito bar: “Il Principe Verde” e un tuffo nel passato, vero o onirico, potrebbero cambiarle la vita.

0€

Available funds

0€

Overall budget

0

Financiers and Brand

0

Backers

Developing

Pre-production

Executive Production

Distribution

Locations:

Roma

,

Piazzale del Gianicolo

,

Bar "Al Principe Verde" (di fantasia), anno 2009 e anno 1959

La sceneggiatura è incentrata sul personaggio di Giulia, cinquantaseienne insegnante di italiano e latino alle medie. Inizialmente descrive come la donna viva la sua esistenza senza particolari slanci emotivi, cercando sicurezza nella routine quotidiana, passivamente come fosse spettatrice della propria vita. Si definisce un tipo da camomilla, non da caffè. Accetta con rassegnazione di dover cenare spesso da sola: sarebbe egoista da parte sua pretendere che il compagno Tommaso, sessantenne maestro elementare, rinunci alla sfida di calcetto con gli amici del mercoledì, alla partitina a carte del giovedì, alla birretta del sabato o alla pizzata del lunedì con i colleghi. Non si sente in diritto di lamentarsi visto che Tommaso non si sottrae neanche alla scopatina del martedì, dopo il TG di mezza sera o dopo la partita se è un martedì di Champions League…

Questo tono dimesso deriva da un irrisolto senso di abbandono che Giulia vive da sempre, non avendo perdonato alla mamma, che non ha mai conosciuto, di averla affidata a un istituto di suore subito dopo averla messa al mondo. Un orecchino a forma di anfora è l’unico ricordo che le rimane di lei. L’incontro con una ragazzina mendicante che le sussurra all’orecchio “cercami, cercami”, mentre Giulia le porge distrattamente una moneta da 1 euro, segna l’inizio di tutto… Quella sera Giulia si addormenta pensando alla ragazzina e a cosa significasse quel “cercami…”.

La mattina seguente si risveglia nel passato. È una ragazza sui vent’anni, entusiasta della vita, piena di speranze, una ragazza che odia la camomilla! Ricorda a stento della sua esistenza da maestra di mezza età, pensando che sia solo un incubo. Nella Roma del 1959 ritrova la bimba mendicante che, fuggendo, lascia cadere le moneta di un euro. Incontra, poi, alcune persone che conoscevano sua mamma Marisa. Viene così a sapere cosa è realmente successo alla mamma e che… la piccola mendicante altri non è che Giulia… la figlia di Marisa che ha sei anni e vive in un orfanotrofio gestito dalle suore.

Questi e altri avvenimenti portano Giulia a fare, finalmente, pace con il suo passato.Al risveglio si sente un donna diversa. Il tuffo nel passato e l’incontro con se stessa bimba, venuta dal passato per scuoterla nella sua triste esistenza presente, le hanno fatto un gran bene. Piena di energia e sicura di se quella sera “Al Principe Verde” invece della solita camomilla ordina un caffè macchiato e anche Tommaso, stranamente, ha rinunciato alla partita a carte del Giovedì per passare la serata con lei. Ho scritto questa sceneggiatura per cortometraggio tratta da uno dei miei racconti. La sceneggiatura è stata apprezzata e ha ricevuto riconoscimenti ad alcuni Festival in Italia e all'estero. Non ho esperienza in produzioni cinematografiche, ma credo che le location non siano un grosso problema. Forse potrebbe esserlo l'ambientazione di parte del corto nella Roma del 1959.

Subject

Giulia 56 anni, insegnante di italiano e latino alle medie, conduce un’esistenza piatta e vive un irrisolto senso di abbandono essendo stata affidata dalla mamma a un istituto di suore subito dopo il parto.
Un incontro con una piccola mendicante al solito locale “Il Principe Verde” (dove Giulia abitualmente sorseggia una camomilla prima di rincasare) e un tuffo nel passato, vero o onirico, potrebbero cambiarle la vita.
There are no contributions
There are no open positions
There are no open positions
Giorgio Marconi nasce a Roma nel 1967. Vive a Cerveteri. Consegue il diploma di maturità scientifica nel 1986 e opera nel mondo dell'informatica da 26 anni. Sposato con Alla e papà di Nicole e Greta. Ha avuto modo di viaggiare molto, non solo con la fantasia. Appassionato di letteratura classica e contemporanea, scrive, principalmente racconti. Nel 2006 ha pubblicato la raccolta di racconti: “D’odio, d’amore e d’altro ancora” (Ed. I fiori di campo). Nel 2011 un suo racconto è stato selezionato per l’antologia: “Del Vizio e Della Virtù - Antologia di racconti del XXI secolo” pubblicata dalla casa editrice Diamond in cui è presente anche un racconto di Dacia Maraini che, dieci anni prima, scrivendo sul suo forum, scrisse: "Caro Giorgio, Lei ha del talento narrativo..." (25.07.2001). A Febbraio 2012 ha pubblicato il suo primo romanzo: “Il precario equilibrio della vita” (Edizioni Montag). Nel 2017 ha pubblicato , in seconda edizione, rivista e rinnovata, del romanzo “Il precario equilibrio della vita” (96, rue de-La-Fontaine Edizioni) Nel 2017 ha scritto la sceneggiatura del cortometraggio “La partita”, tratto dal suo soggetto omonimo, vincitore del concorso “Racconti nella Rete® - Sezione CORTI”. Il corto è stato girato a Lucca a settembre 2017” per la regia di Giuseppe Ferlito (Femmina, Né terra né cielo, Infernett). Il cortometraggio è stato selezionato per la proiezione al Cuneo Film Festival 2017, ha vinto il premio Cineclassico al Corto Fiction 2018 (Chianciano Terme) e il 3° premio assoluto al Cellole Film Festival 2018. La sceneggiatura, con qualche piccolo ritocco e con il titolo “La sfida”, è risultata finalista al premio “Grand Hotel” nell’ambito del prestigioso AMARCORT FILM FESTIVAL (2017).

0 tickets sold

No results have been found